BIDEN, ZELENSKY E DRAGHI... - ETTORE LEMBO NEWS

Title
Vai ai contenuti
Biden, Zelensky e Draghi,
non vogliono la pace?
Putin non fornirà energia
a chi mette il price cap.

Rifiutata l'apertura di Putin ad un negoziato di Pace, direttamente da Zelensky e Biden e, con quello che appare il pieno sostegno di Draghi, che espone sempre più l'Italia, piuttosto che avere il ruolo di pacificatore.
Joe Biden "non intende" parlare con Vladimir Putin al G20, ma prenderebbe in considerazione un incontro qualora il presidente russo volesse parlare ad esempio del rilascio di Brittney Griner, l'americana in carcere in Russia.
Questa affermazione del presidente DEM, la dice molto lunga sulla mancanza di volontà di creare un terreno che possa favorire distensione.
"Dipende da cosa vuole discutere", ha detto infatti Biden in merito a un possibile faccia a faccia con Putin il prossimo mese in Indonesia.
Per di più il presidente Biden e' seguito a ruota da Zelensky.
Zelensky infatti asserisce:
''Non ci può essere alcun dialogo con l'attuale leader russo, che non ha futuro. Dobbiamo riconoscere questa ovvietà''. Lo ha ribadito il presidente ucraino Volodymyr Zelensky rivolgendosi ai leader del G7. ''Ci possono essere colloqui solo con un altro leader della Russia, che rispetti la Carta delle Nazioni Unite, i principi fondamentali dell'umanità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina, o in una configurazione diversa, in modo che il leader terrorista non abbia l'opportunità di influenzare decisioni chiave''
In pratica vorrebbe imporre la restituzione di Putin in Russia.
Ci chiediamo su quali logiche possa mai trovarsi uno spiraglio di trattativa, dopo incredibili affermazioni che non possono che lasciare intendere la ferma volontà dei due ad inasprire sempre più il conflitto.
Purtroppo per l'Italia, il cui popolo vorrebbe giocare il ruolo di pacificatore, deve assistere ad un primo Ministro Draghi che invece rincara la dose:  "Condanniamo con forza i bombardamenti sui civili e sulle infrastrutture civili da parte della Russia. Questi bombardamenti devono spingerci a sostenere l'Ucraina con la stessa determinazione che abbiamo avuto finora", è uno dei passaggi dell'intervento del Presidente del Consiglio Draghi nel corso della riunione in videoconferenza dei Leader del G7.
Nessun tentativo di distensione, quindi.
E la risposta di Putin non si lascia attendere.
"Dirò una cosa: la Russia non agirà contro il buon senso, pagando di tasca propria per il benessere degli altri. Non forniremo energia a quegli Stati che impongono un tetto ai prezzi dell'energia.
Verso coloro che preferiscono i trucchi sporchi e i ricatti spudorati, e sono decenni che viviamo in un paradigma di questo tipo, in ambito politico, non agiremo a nostro discapito".
Lo ha ribadito il presidente russo Vladimir Putin, intervenendo al forum della Settimana dell'energia russa, come riporta Tass.
E mentre il pensiero unico ci riempie sempre più di propaganda, gli Italiani vengono sempre più condannati a subire una guerra che non vogliono.
Ettore Lembo
13/10/2022





Torna ai contenuti