MA IL CITTADINO A CHI DOVRA' CREDERE? - ETTORE LEMBO NEWS

Title
Vai ai contenuti
Ma, il cittadino a
chi dovrà credere?

-Brunetta, la crisi non c'è, Pil va verso +3%.-
Questo il titolo di una notizia ANSA del 4 giugno 2022.
"La crisi economica non c'è".
Dopo il Pil del primo trimestre dello 0,1% e, se il prossimo sarà anche positivo, con qualcuno che sostiene che dovrebbe essere anche meglio, allora andiamo verso un +3% sull'anno. Quindi con due trimestri positivi, se non ci saranno effetti negativi, andiamo verso il +3% di Pil". Lo ha detto il ministro per la pubblica amministrazione, Renato Brunetta, nel corso di una iniziativa nell'ambito del Festival dell'Economia di Trento organizzato dalla Provincia Autonoma e dal Gruppo 24 Ore.
Notizia che, proprio perché detta da un ministro, farebbe ben sperare in positivo.
Certo, tutti gli Italiani non potranno che meravigliarsi, dal momento che il percepito sembra andare nella direzione opposta.
Aziende che chiudono, posti di lavoro che mancano, inflazione che cresce, bollette energetiche stratosferiche e chi più ne ha più ne metta.
Ma le parole del Ministro, sono quelle.
Parole riportate dalla più importante agenzia di stampa, e quindi non possiamo certamente metterle in dubbio.
Ma non possiamo mettere in dubbio nemmeno ciò che scrive "Il Sole 24 Ore", che lo stesso giorno, a margine della stessa manifestazione, scrive un articolo contrario ed opposto dal titolo.
Nuova frenata della produzione industriale: a maggio -1,4%, sul futuro ancora incertezze.
La produzione industriale italiana continua a soffrire e il periodo negativo continuerà fino a tutto il secondo semestre. A maggio è stimata infatti una flessione di -1,4%, dopo l'arretramento in aprile. Nel secondo trimestre 2022 si avrebbe così una contrazione già acquisita di -0,6% della produzione industriale, dovuta in particolare al rialzo dei costi dell'energia e alle difficoltà di approvvigionamento, acuiti dalle operazioni militari russe in Ucraina.
Per il resto vi rimandiamo a leggere gli articoli nella loro versione originale.
Ma l'essenza delle due notizie devono far riflettere su come l'informazione possa essere offerta al "cittadino semplice".
Il quale avrà forse qualche difficoltà a comprendere, se si trova davanti ad entrambe le informazioni, opposte e contrarie.
Cosa assai difficile, dal momento che, probabilmente si evidenzia solo una delle notizie, facendola diventare ... L’unica.
Un sistema assai diffuso, specialmente negli ultimi anni.
Le informazioni sulla pandemia, uniche solo in Italia, sono il contributo più evidente di come sono state rese disponibili solo una parte dell'informazione, omettendo le altre o additandoli come false.
Anche la guerra Russo Ucraina, sta dando il suo contributo alla più irreale contrapposizione di notizie contrarie e contrastanti. Significativo che un noto quotidiano, sembra abbia pubblicato una lista  di coloro che, giornalisti, docenti universitari, opinionisti o altro, utilizzando fonti diverse e contrarie, informano l'opinione pubblica in maniera opposta.
A chi potrà credere il cittadino?
Una situazione che in Italia sta diventando sempre più evidente e tangibile, dove chi fa informazione, o dovrebbe farla, da solo una versione dei fatti, preoccupandosi di smentire o fare considerare falsa, chi offre notizie opposte e contrarie.
Ecco che così come la lista di circa 200 nominativi che scrivono o pensano in maniera opposta alla tesi "omologata", possono diventare delle pericolose "liste di proscrizione" di romanica memoria.
Un tempo tesi diverse servivano per dare al cittadino l'idea di ciò che accade, oggi invece si vuol dare una visione unica dei fatti.
Regime o propaganda?
Sarebbe questa la libertà di informazione di cui parlano alcuni dei nostri parlamentari, stranamente tutti al governo?
Ettore Lembo
07/06/2022



Torna ai contenuti